martedì 29 ottobre 2013

soluzioni pratiche a momenti difficili

Da qualche giorno la mia mente e il mio cuore sono in subbuglio, per una serie di cose piuttosto importanti o meno rilavanti, dalla vita familiare, al lavoro, alla scuola dei figli, alle persone a cui tengo...è un periodo piuttosto turbolento. Un periodo come capita a tutti...prima o poi finisce, che neanche me ne accorgerò.

Intanto vorrei essere lì a rincorrere quel nanetto..
.

Io non so voi, ma questi periodi mi lasciano sfiancata. Ho sempre sonno, ho sempre fame, il mal di testa...e non riesco comunque a stare ferma.

Avrei circa un milione di cose da fare, dal passare l'aspirapolvere, al riordino della lavanderia, al bucato che va spostato continuamente per non tornare a inumidirsi dopo qualche orta all'aria... la spesa, le relazioni per il lavoro che attendono solo di essere salvate e stampate...

Ma giro e corro come una trottola e mi pare di non combinare molto.

Uffi. Eppure devo fare qualcosa.

Ieri ho dato sfogo a questa spinta trottolosa insieme ai maschiotti di casa, anche loro piuttosto insofferenti a causa del tempo instabile e umidissimo.
Gli spunti tratti da alcuni dei miei blog preferiti danno parecchie soddisfazioni!

Prima di tutto devo ringraziare il blog Quandofuoripiove per le infinite soluzioni che salvano spesso la mia autodistruzione causata dal maltempo...andate a curiosare e capirete la genialità di Giada...

Questa volta non abbiamo avuto nemmeno la pazienza di colorare i tubi di cartone: ci sono ancora le scritte visibili. Il piccolo ha detto che si tratta della marca della gru... ecco, questa interpretazione mi piace!


Si tratta di due semplici tubi in cartone (rotoli di carta da cucina e carta igienica) e un metro e mezzo di nastro bianco per creare una gru funzionante... Giada è davvero mitica!

Ma non ci siamo fermati qui. 

Tra poco è Halloween...e allora via con tutte quelle cosine spaventose e riciclose che ci piacciono tanto!!


Un vaso di vetro, della carta igienica e alcuni pezzettini di carta nera sono serviti a creare una mummia, mentre della carta appallottolata, un quadrato di carta da cucina e una cannuccia, tenuti insieme da un nastrino bianco (ma un elastico è ancora più veloce) hanno dato vita a un fantasmino.




Noi la Rete la usiamo così...e se ci stufiamo, finisce tutto nel bidone della differenziata, senza tanti pensieri!!

Ma voi, cosa fate per sopravvivere ai periodi turbolenti?


17 commenti:

  1. Ciao Carla passo da te dopo il tuo commento da Dani "Decoriciclo", sarà un piacere seguirti! ;) GRAZIE. NI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, mi fa molto piacere! Ho trovato cose bellissime e cura e dedizione nel tuo blog...mi onora averti qui!!

      Elimina
    2. Carla, troppo buona, non merito tanto!!! GRAZIE a te e del commento. ;) Bacino che presto il turbinio passa...e tu sposta...e fai...e gira...come tutte noi donne poi! ;) Passo da Giada! ;)

      Elimina
    3. Sì sì, non mi sento sola, da queste parti!!! ^_^ a presto!

      Elimina
  2. sono anche io in questo periodo qui, sarà che la bimba è malaticcia e lo sono pure io, ma insomma sono un pò giù. A me basta mettere un pò di musica e ballare e mi riprendo un pò. Per il resto scattare foto mi aiuta tantissimo! Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale! Spero che vi riprendiate presto...non vedo l'ora che tu posti le foto del lavoro con i centrini!!

      Elimina
  3. Io direi che sei più che geniali...per i periodi cosi bisogna aspettare che passino e circondarti il più possibile di ciò che ti fa stare bene....
    un baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non c'è altro da fare che attendere che passino...ma io devo fare qualcosa, muovere le mani, spostare cose...se no impazziscooo!!

      Elimina
    2. su questo ti capisco...anche io in quei periodo son cosi...oppure avrei la voglia di fare ma mi viene sonnissimo e passo le giornate a dormire...poi mi sento in colpa però

      Elimina
    3. A me viene pure sonno, ma non riesco proprio a chiudere occhio...come se mi fossi bevuta 1000 caffè...tanto meglio fare qualcosa, allora!!

      Elimina
    4. allora crea, crea, crea....io i periodi peggiori li ho passati creando!!!! è l'unica cosa che mi ridà sempre e comunque il sorriso e la voglia di fare!!!!

      Elimina
  4. Forza, eh, se ne esce, se ne esce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne dubito...al limite riempirò casa di decorazioni casalinghe ^_^

      Elimina
  5. Ciao,
    anche a me piacerebbe mettermi quando fuori piove a fare attività del genere, ma la mia bimba non sà cosa sia la pazienza, non si riesce a lavorare con lei, finisce sempre che litighiamo o lei si impazietisce.
    ciao Erica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ho presente!! ^_^
      Da Giada ho trovato molte idee, anche molto semplici, in cui il "fare" è un lampo, mentre il "giocare" dura all'infinito...prova a spulciare, secondo me qualcosa la trovi... ^_^

      Elimina
  6. aria aperta...natura...e se piove ed è freddo copertina e un buon libro ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questa è una soluzione...ma c'ho la tarantolite e non riesco a stare ferma e calma...
      Ma sei tornata dall'evento, allora!! Attendo il documentario!!

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...