mercoledì 16 ottobre 2013

solo domande

Oggi sono in stato confusionale. Ho deciso che butto giù una lista.
Una lista di interrogativi a cui non so dare una risposta, perlomeno non una risposta soddisfacente. E se mi verranno altre domande in mente, ne aggiungerò altre. Se avete  suggerimenti, siete i benvenuti.

Quello che so non mi basta.

La situazione da cui partono i quesiti non mi tocca personalmente. Mi è comunque troppo vicina per lasciarmi indifferente.

  1. Quante volte è umanamente accettabile dare l'ennesima possibilità nuova a chi ci ha deluso?
  2. Quanto si deve stare male prima di chiedere una mano?
  3. E' giusto perdere dignità, rispetto per sé stessi, orgoglio per rimanere accanto a qualcuno?
  4. Se una persona non dimostra il minimo rispetto per me, è giusto continuare a sperare che cambi?
  5. Se manifesto il mio disagio, il mio disaccordo rispetto a determinati comportamenti, è accettabile rassegnarsi alla immutata realtà dei fatti?
  6. Dopo anni di tentativi, è giusto provare ancora a dare fiducia a chi ci ha continuamente illusi e delusi?
  7. Quanto si può rinunciare a se stessi, per il bene dei figli?
  8. Quanto conta la propria felicità, nell'equilibrio della famiglia?
  9. Si può rinunciare alle proprie passioni, ai propri interessi, alle proprie inclinazioni solo perché qualcuno ci fa sentire delle nullità?
  10. Quanti anni può durare una coppia, dove al centro dell'universo sta sempre e solo una sola persona?
  11. E' possibile dimenticare gli anni di sofferenza e dolore?
  12. E' possibile fare finta che quegli anni siano "cosa passata", quindi non contino più?
  13. E' corretto ricorrere a tutte le armi psicologiche per attirare a sé nuovamente una persona che si  è allontanata dalla coppia perché non ci sta più bene dentro?
  14. E' corretto pretendere l'attenzione di tutti i parenti e gli amici, come se al mondo nessuno avesse una vita propria a cui pensare?
  15. Un genitore ha, o non ha dei doveri rispetto ai figli, anche se non vivono nella stessa casa?
  16. Un genitore non ha il compito di tutelare i figli, di farli sentire sempre e comunque amati senza coinvolgerli nelle diatribe tra genitori?
  17. Quale è la misura accettabile di egoismo?
  18. E' possibile stabilire cosa "fa piacere" a un figlio" e cosa "fa bene" a un figlio? 
  19. Se quei due punti lì non coincidono, quale dei due deve prevalere?
  20. Quanto è giustificabile un comportamento perché una persona proviene da una cultura diversa? 
  21. Quanto è giustificabile un comportamento perché una persona "ha avuto un passato difficile"?
  22. Quante bugie sono accettabili all'interno di una coppia, prima che il rapporto diventi una presa in giro nei confronti del coniuge?
  23. ...

12 commenti:

  1. Sono tante domande, ma il problema mi sembra essere uno solo. Bisogna provare e riprovare quando si ama, bisogna dare tante possibilità. Ma poi ci deve essere un limite, oltre al quale ci siamo noi, oltre al quale ci sono i figli, oltre al quale c'è la nostra dignità. Ad un certo punto bisogna saper dire basta. Quando si arriva a porsi così tante domande che poi sono solo una, bisogna fermarsi. E non andare oltre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...quando gli anni di tentativi sono più di dieci e uno dei due è ridotto a non riconoscersi più, a non sapere più cosa "mi piace", cosa "non mi piace" il limite sembra passato da un po'...

      Elimina
  2. Io credo che non esistano risposte uniche...

    Un abbraccio grande,
    Sharon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti...quello è il problema...che per diversi punti di vista ci sono differenti risposte. Qui ne posso sentire alcune, diverse dalle mie, diverse dalle sue. Grazie!

      Elimina
  3. Purtroppo, porsi certe domande è quasi inutile! Non si può far altro che aspettare che quella persona si accorga da sola di essersi annullata e torni a lottare per se stessa. Noi, dal canto nostro, dovremmo farci trovare pronti a sostenerla quando finalmente ne avrà bisogno... perché forse sarà così tardi che si sarà creata un vuoto intorno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se quella persona apre gli occhi e poi sembra richiuderli?
      ok, questa è un'altra domanda...
      Ma se è così?
      Io lì ci sarò sempre. Questo è certo. Non mi allontano per nulla al mondo!

      Elimina
  4. mia cara...bel casino..
    rifletti, pensa, immagina un futuro con e uno senza e vivi le sensazioni.
    la vita è una e gli equilibri a volte si rompono e a volte cambiano
    un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se gli equilibri rotti vengono a forza rimessi insieme col nastro adesivo?...no, vabbhe, ormai ho la domanda automatica...
      Ma se succede così? E' possibile che con l'adesivo si possa recuperare qualcosa, dopo che si è rotto l'equilibrio?
      Grazie per la tua preziosa opinione! Mi interessa molto!

      Elimina
  5. mammamia quante domande, le risposte condizioneranno la vita della persona interessata e di quelle accanto a lei.....forse bisogna agire ascoltando il cuore ma non sempre è la scelta giusta....
    baci simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi...cuore o testa? Sentimento o rispetto per se stessi? Io nuovo o io vecchio? uhmmm si fa sempre più complicato...

      Elimina
  6. Rispondo solo alla domanda nr. 2: forse è ora di farsi dare una mano...

    Ognuno vede il suo film, ognuno interpreta la realtà che vive con il suo decoder e non sempre i decoder di una coppia sono in sintonia (o continuano ad essere in sintonia con il passare degli anni).
    A volte però pur di giustificare quello che ci sta succedendo, ci convinciamo di qualsiasi cosa (perché ammettere di avere sbagliato o che le cose sono cambiate può essere ancora più doloroso) e ci infiliamo in situazioni che possono essere anche molto pericolose.

    Un abbraccio sincero alla tua amica ed un augurio perché possa superare al più presto questa situazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che quei decoder avessero cattiva sintonia da subito, ma l'amore gioca brutti scherzi: non permette di riconoscere per tempo la realtà. E quando si capisce qualcosa di più, la questione si fa dolorosa e pericolosa, purtroppo.

      Elimina

lascia un segno del tuo passaggio ^_^
mi piace sapere cosa ne pensi e chi sei... quindi firmati
altrimenti rischi che le tue parole finiscano nel cestino
senza che io me ne accorga!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...